mercoledì 15 dicembre 2010

Archive of Oncology Journal racconta Fondazione ANT e Vitaever nell'assistenza domiciliare a malati di tumore

L'autorevole rivista scientifica Archive of Oncology, giornale internazionale di oncologia, ha pubblicato un articolo dal titolo "Home care for advanced cancer: results and challenges". Gli autori, tra cui Francesco Pannuti il Chief Executive Officer di Vitaever,  contiene un'attenta analisi dell'assistenza sanitaria domiciliare per i malati terminali, dei suoi vantaggi e delle problematiche ad essa legata, secondo la prospettiva della fondazione ANT che da tempo si muove in favore del miglioramento dell'assistenza domiciliare.
Tra i risultati presentati c'è anche un passaggio sull'impatto che la tecnologia Vitaever ha generato in questo contesto.

L'articolo è a disposizione a questo link.

lunedì 6 dicembre 2010

La nostra intervista su Vita Europe

Vita Europe è un portale inglese che da tempo da voce a chi contribuisce, in modo distintivo, a migliorare e accrescere la società civile Europea, pubblicando regolarmente attraverso delle interviste, le loro storie, i loro pensieri e i loro modi di agire. È gestito da una rete di partner in tutta Europa, con diverse imprese e associazioni no-profit, cooperative, fondazioni ed enti di beneficenza. Dietro a questo progetto lavorano brillanti talenti, blogger e giornalisti che ogni giorno si impegnano ad arricchire la nostra società.

Da poco anche Vitaever ha collaborato con Vita Europe. Leggi la nostra intervista a questo link.

mercoledì 24 novembre 2010

Vitaever è una delle 5 start-up europee scelte da Amazon come miglior Cloud-Computing

Qual è la miglior start-up capace di dar vita a un business nel cloud-computing? È su questo che si è basata la nuova edizione della AWS Start-up Challenge, il concorso promosso da Amazon per premiare le migliori compagnie che hanno sviluppato tutto il proprio business e il loro potenziale con l'aiuto del cloud-computing.
Amazon, il sito dedicato all' e-commerce più popolare e più utilizzato al mondo, nel 2006 ha aperto i battenti anche ad Amazon Web Services, mettendo in vendita servizi di cloud computing, utili ad aziende di ogni dimensione.
Da quando è stato introdotto migliaia di imprenditori hanno utilizzato questi servizi per creare un' attività di successo, basata sulla scalabilità e sulla possibilità di affrontare grandi sfide, anche senza un investimento iniziale corposo.
La competizione avviata da Amazon, e ormai conlcusa, aveva come obiettivo quello di premiare la migliore startup, partendo dalla selezione in 22 paesi, Europei, Americani e Asiatici.
Vitaever ha raggiunto la semifinale e si è guadagnata un ottimo posto: è infatti tra le 5 aziende europee migliori come idee di business nel cloud computing.
Un altro traguardo quindi per Vitaever.

Leggi la nostra presentazione su Amazon Web Services Blog

mercoledì 10 novembre 2010

Vitaever selezionata per l'evento di matching a INNOVA DAY

Vitaever parteciperà anche quest'anno all'edizione 2010 di Innova Day, evento ad alto contenuto tecnologico e di conoscenza che rappresenta un' importante occasione per giovani ricercatori, spin-off e start-up.
Sono stati 60 gli iscritti all'evento di matching previsto per l'11 novembre, e Vitaever fa parte delle 20 start-up selezionate. Innova Day si svolgerà in due giornate che permetteranno a 10 imprese start-up hi-tech e spin-off universitari di presentarsi a 10 imprenditori business angels. Durante il primo giorno si terrà l'evento di networking, mentre il secondo sarà incentrato sull'evento di matching in cui Vitaever presenterà le sue idee innovative. L'evento sarà aperto al pubblico.


Per ulteriori informazioni visita il sito di Innova Day e il programma dell'evento.

martedì 2 novembre 2010

L'Unione Europea scommette sulla Telemedicina

La Commissione Europea ha annunciato 780 milioni di euro supplementari in favore del progetto "agenda digitale" presentato a maggio di quest'anno. L'iniziativa, mirata a dare un importante contributo alla crescita e alla diffusione dei benefici derivanti dall'era digitale a tutte le fasce sociali, aveva previsto, tra i suoi campi d'azione, anche l'introduzione in tempi brevi della Telemedicina. Per quest'ultima s'intende la trasmissione in tempo reale di informazioni cliniche tramite l'utilizzo di sistemi informatici. I benefici ottenibili da questo nuovo servizio, come le visite mediche online, il monitoraggio delle condizioni di salute dei malati, oltre al migliorare le prestazioni mediche, garantendo una prestazione medica più tempestiva ed efficace, offrono al paziente una libertà di movimento senza precedenti. Quest'importante progetto pare stia andando avanti molto bene.
Le tecnologie dell'informazione e della comunicazione hanno già determinato la metà dell'aumento di produttività in Europa ed è probabile che questa tendenza sia sempre più marcata anche nei confronti della telemedicina. La tecnologia sta diventando sempre più sofisticata e potente, i costi di computer,software e telecomunicazioni si stanno riducendo e cosi anche la complessità del loro utilizzo. La telemedicina sta cosi crescendo in modo esponenziale in Europa e nel nostro paese.


Per maggiori informazioni leggi l'articolo riguardo ai nuovi fondi stanziati dall'Unione Europea o guarda questa brochure.

venerdì 22 ottobre 2010

La tecnologia Vitaever a SMAU 2010

Vitaever, la tecnologia recentemente premiata da European Social Innovation come uno dei 10 progetti di grande impatto sociale nella Comunità Europea, è stata una tra le innovazioni selezionate a SMAU, Esposizione Internazionale di Information & Communications Technology, nei Percorsi dell'Innovazione, un’area di incubazione per l’innovazione, in cui si coltivano le idee di oggi per farle diventare realtà vincenti nel business di domani.
Delle circa 90 startup presenti, 36 hanno partecipato il giorno 21 allo Speed dating dell'Innovazione, momento ad alta tensione in cui i partecipanti hanno avuto la possibilità di presentarsi in incontri one to one di tre minuti a potenziali investitori o incubatori (in totale 25). I feedback per lo Speedating da parte di tutti i partecipanti sono stati molto positivi e costituiscono un incentivo per farlo diventare un appuntamento fisso in Smau.
Vitaever ha dato il suo contributo al successo di questa edizione, confermandosi come una delle soluzioni più innovative e ingegnose nel panorama delle start up italiane. Grazie all’attento interesse raccolto da centinaia di visitatori, si è presentata come potente e intuitivo strumento nella gestione dell’assistenza domiciliare ma soprattutto come perfetto connubio tra innovazione sociale e tecnologica, dato il suo promettente impatto sull’avvio di un percorso di crescita economica e culturale.
Tra le novità presentate, e ampiamente accolte dai visitatori, c'è la nascita di una community di partner, cosi da avere accesso privilegiato alla tecnologia Vitaever ed utilizzarla come strumento per creare robuste soluzioni in favore dei loro clienti in Sanità. La notizia ha raccolto grande interesse tra liberi professionisti, consulenti e aziende di system integrator.



mercoledì 22 settembre 2010

This is european social innovation: Vitaever tra i progetti vincitori

“This is european social innovation” è un iniziativa lanciata da Euclid Network in collaborazione con la Commissione Europea, Social Innovation eXchange (SIX) e il Social Innovation Park di Bilbao con l’obiettivo di individuare 10 progetti di innovazione sociale nell’area europea.
Vitaever, selezionata tra oltre 100 iniziative provenienti da 23 paesi europei, rientra tra i progetti vincitori, scelti da una giuria qualificata non solo in quanto ritenuti particolarmente innovativi nel loro settore di attività ma anche per il loro potenziale di replica.
I progetti vincitori saranno divulgati dalla Commissione europea in una pubblicazione ufficiale sull’innovazione sociale che sarà distribuita in tutt’ Europa.
Inoltre i coordinatori dei progetti riceveranno un invito per la partecipazione al 'disruptive innovation workshop' al Social Innovation Park di Bilbao.


Per informazioni visita il sito

martedì 7 settembre 2010

Cloud computing a Roma: ne parlano Vitaever, IBM, Microsoft, EMC2 e Cisco

La tecnologia Vitaever di Nethical è tra le innovazioni del Cloud computing e del SaaS che sarà presentata all'evento "Cloud computing e virtualization", ospitato dalla Provincia di Roma a Palazzo Valentini il 17 settembre, alle 14.30.

Il gruppo di esperti formato da manager di Vitaever, IBM, Microsoft, EMC2, Cisco e Fhoster discuterà sulle opportunità tecnologiche ed economiche che aprono il Cloud computing, la Virtualizzazione e il SaaS (software-as-a-service).

L’evento, promosso da Innovation Lab dell'Università di Roma 3 e dall'associazione di imprenditori italo-americana BAIA si rivolge ad un audience composta da middle-upper manager interessati a comprendere e discutere quali siano i trend in atto e i modelli di business abilitati dall’utilizzo di tali soluzioni.


lunedì 2 agosto 2010

Vitaever diventa un marchio registrato europeo


Da oggi Vitaever è un marchio registrato e protetto dalla Comunità Europa. L'UAMI, l'agenzia di Alicante competente per la registrazione di marchi ha terminato l'ufficializzazione dell'accordo di protezione. Dopo un lungo iter burocratico, la nostra azienda potrà finalmente utilizzare, all'interno del territorio europeo, il suo segno distintivo in modo del tutto esclusivo. Il marchio comunitario, infatti vieta a terzi, salvo proprio consenso, l'utilizzo in commercio di segni identici o simili, e soprattutto, ci garantisce la protezione della proprietà intellettuale del nostro brand, lo rafforza e lo qualifica.
Questo importante risultato è stato reso possibile dallo Studio Legale Carriero, specializzato in diritto industriale e in diritto d'autore, a cui vanno i nostri ringraziamenti.

lunedì 26 luglio 2010

Costi della sanità? Si pagano come un'assicurazione auto

«I cittadini dovrebbero essere responsabilizzati sui costi della sanità che provocano; dovrebbero essere puniti o premiati in base all'uso che fanno del servizio»
Javier Mur,direttore amministrativo delle operazioni sulla sanità di Accenture, in un'intervista a EurActiv.

Mur afferma che potrebbe essere applicato al campo della sanità un sistema simile a quello che fissa i prezzi per le assicurazioni delle auto: "paghi meno se non hai incidenti".
Secondo Mur i cittadini devono capire che la sanità ha costi molto elevati ed è necessario dunque educarli ad usare il sistema sanitario solo quando è realmente indispensabile.
E “pagare qualcosa” risulta probabilmente il miglior modo per far comprendere questo concetto. Come esempio a rimostranza di ciò Mur cita la Spagna dove la visita medica è gratuita e pertanto i cittadini usufruiscono del servizio il 40-50% in più rispetto al resto d'Europa. Una maggior efficienza nei costi della sanità porterebbe all'implementazione delle tecnologie e di programmi su larga scala.

Per leggere l'articolo completo visita il link

giovedì 8 luglio 2010

Vita.it parla della tecnologia Vitaever

Vita.it, il primo social network dedicato al no profit, propone un articolo interamente rivolto a Vitaever, presentato non solo come prodotto tecnologico innovativo per la gestione dell’assistenza sanitaria domiciliare ma anche come progetto che si propone di “portare l’ospedale a casa del paziente”.
Vitaever sarà presentata in Italia in occasione di Exposanità 2010 all’interno dell’area M.I.T. (Medical Innovation & Technology) e animerà uno stand multidisciplinare con Fondazione ANT.

Per leggere l’articolo: vita.it

mercoledì 7 luglio 2010

Alla memoria del giovane imprenditore Antonio De Luca

Venerdì 9 luglio alle ore 10.00 presso Istituto ANT (Via Jacopo di Paolo 36 (Bo) Fondazione ANT), Centro di Eccellenza ARCES, Università di Bologna e Nethical - Innovating Healthcare - presenteranno l’assegno di ricerca dedicato alla memoria del giovane imprenditore Antonio De Luca scomparso prematuramente all’età di 29 anni.
L’assegno sosterrà la ricerca nell’ambito delle tecnologie ICT per realizzare strumenti di E-HEALTH

Interverranno: Dr. Pierluigi Visci direttore il Resto del Carlino, Prof. Franco Pannuti, presidente Fondazione ANT, Prof. Giorgio Baccarani direttore Centro di Ricerca ARCES Università di Bologna, Prof. Roberto Guerrieri direttore laboratorio congiunto STMicroelectronics e ARCES Università di Bologna, Ing. Francesco Pannuti CEO di Nethical, Dr. Domenico De Luca famiglia De Luca.

Per contribuire con una donazione di qualsiasi entità e per maggiori informazioni visita il link

mercoledì 12 maggio 2010

ANT e Vitaever all'ExpoSanità 2010


Exposanità propone l’edizione 2010: l’unica manifestazione fieristica del settore in Italia che mette in evidenza il binomio inscindibile tra sanità e assistenza, strumenti fondamentali per un adeguato servizio ai cittadini. Speciale attenzione verrà dedicata alla tematica delle cure primarie e all’ attività di prevenzione.

All’interno del salone tematico M.I.T. “Medical Innovation & Technology” sarà esposta anche Vitaever, una tecnologia Saas (Software-as-a-service) che mira ad innovare la Sanità tramite software che ne ottimizzano i costi e creano valore aggiunto, sia per i pazienti che per il personale medico e l’intera comunità.
Sarà presente anche la Fondazione ANT Onlus che ha adottato Vitaever in quanto da sempre si occupa di assistenza domiciliare oncologica, e accudisce gratuitamente ogni giorno circa 3.000 sofferenti di tumore, grazie a un'equipe di personale specializzato e impiegato a tempo pieno, composto da 150 medici specialisti, 20 psicologi e 80 infermieri che offrono un’assistenza globale al paziente e ai suoi familiari.
Durante le giornate fieristiche lo stand si trasformerà anche in un ambulatorio per offrire ai visitatori visite dermatologiche gratuite, al’interno del "progetto melanoma", promosso dalla Fondazione ANT.
Maggiori informazioni sull'evento sono disponibili a questa pagina.


Inoltre puoi leggere i seguenti articoli:

Oggibologna “Sanità e assistenza: la persona al centro"

Vita Magazine “Vitaever: per la gestione dei servizi socio-assistenziali a domicilio”.

Fulbright BEST News "Nethical presenta la tecnologia Vitaever allExposanità 2010"

lunedì 29 marzo 2010

Social Innovator propone Vitaever come esempio di innovazione in sanità

Social Innovator nasce con l’obiettivo di unire persone, esperienze e strumenti per progettare, sviluppare e far crescere nuove idee, per rispondere a tutti i grandi bisogni dell'umanità ancora insoddisfatti. L'iniziativa vuole sostenere e incoraggiare tutti coloro che intendono contribuire al miglioramento della società con approcci imprenditoriali a forte impatto sociale.

Il progetto nasce dalla collaborazione tra "National Endowment for Science", "Technology and the Arts (NESTA)" e "Young Foundation", tre organizzazioni inglesi che vantano più di 50 successi nel campo dell'innovazione sociale.

Social Innovator ha recentemente riportato "Vitaever"come esempio di innovazione nella sanità. Vitaever è presentato come proficuo connubio tra l’ innovazione tecnologica di Nethical e l’esperienza di Fondazione ANT, una delle organizzazioni più grandi in Europa nel campo dell’assistenza domiciliare.

Per approfondimenti è possibile visitare il sito Social Innovator al seguente link.

lunedì 1 marzo 2010

Fulbright-BEST quarta edizione: Nethical tra gli sponsor ufficiali

Fino al 15 aprile 2010 sarà possibile partecipare al bando per l'assegnazione delle nuove borse di studio Fulbright-BEST (Business Exchange Student Program), un programma che favorisce la crescita imprenditoriale delle nuove generazioni di ricercatori, proponendo un modello basato su innovazione e trasferimento tecnologico.

L'iniziativa, presentata oggi a Roma dall'Ambasciatore USA David Thorne, si rivolge a giovani ricercatori italiani nei settori dell'Information & Communication Technology, del Biotech, dell'Energia e delle cosiddette Tecnologie Verdi. Le borse finanziano interamente un periodo di sei mesi nella Silicon Valley, in California, dove i partecipanti avranno l'opportunità di frequentare corsi di imprenditorialità innovativa, marketing e gestione aziendale presso la Santa Clara University e di lavorare in imprese ad alto tasso tecnologico. Sono inoltre previsti seminari presso le prestigiose Università di Stanford e Berkeley e incontri con comunità di imprenditori e investitori italiani e americani.

L'esperienza congiunta di studio e lavoro permetterà ai partecipanti di sperimentare sul campo lo stretto rapporto di collaborazione che esiste tra ricerca e mondo delle imprese negli Stati Uniti. Al loro rientro in Italia, i ricercatori saranno assegnati ad un mentor con esperienza imprenditoriale che li seguirà durante lo sviluppo del loro progetto di business.

Il Fulbright-BEST viene realizzato con il contributo di sponsor pubblici e privati come Vitaever, una piattaforma SaaS per la gestione dei servizi sanitari domiciliari sviluppata da Nethical, che sostiene il programma a fianco di importanti aziende quali Poste Italiane, IBM, Enel Green Power, Amgen Dompé, ALCOA, Mediaset, Booz and Co., Farmindustria, oltre a pubbliche amministrazioni quali il Consiglio Nazionale delle Ricerche, la Regione Lazio, la Regione Toscana e il Comune di Milano.

Il bando del programma Fulbright-BEST e le istruzioni per presentare domanda sono disponibili sui siti www.bestprogram.it e www.fulbright.it .